Ruffilli è sotto i nostri occhi

Sono passati 29 anni dalla morte del senatore forlivese Roberto Ruffilli, assassinato il 16 aprile da un manipolo di brigatisti nella sua abitazione in Corso Diaz n. 116.

I nostri studenti non hanno vissuto quei terribili anni della storia d’Italia, tristemente noti come anni di Piombo.

Come poter spiegare loro chi era Ruffilli, quale messaggio ha lasciato attraverso la sua azione politica, quali valori possono essere condivisi con la Generazione Zero.

Sempre più assuefatti all’indifferenza e alla visione cieca di quanto accade, è sempre più difficile trovare la chiave giusta per l’accesso all’umanità.

Il laboratorio di StancilArt è nato per questo: stilizzare i volti di uomini e donne che si sono battuti per i diritti umani, la legalità e la pace,  ha permesso ai ragazzi di avere sotto i propri occhi i volti di Giovanni Falcone, Paolo Borsellino, Roberto Ruffilli, Rosa Parks, Iris Versari, Annalena Tonelli, Tina Gori, Silver Sirotti, Aldo Moro e Peppino Impastato.

E’ stato realizzato uno striscione di 10 metri, che è stato srotolato durante la cerimonia di commemorazione del senatore Ruffilli, davanti a studenti di altre scuole, alle istituzioni e ai cittadini forlivesi.

Quei volti, sotto gli occhi di tutti, hanno creato empatia, e nessuno poteva essere indifferente. Almeno non in quel momento.