Guernica letto in tandem da Alessandra Righini e Barbara Schiavulli

“Guernica” non è solamente il capolavoro di Pablo Picasso, ma un’icona del pacifismo.

Spiegare dunque quel grande quadro agli studenti di oggi è una duplice sfida e ad affrontarla sono state due donne, diversamente impegnate ad insegnare come si declina la pace.

Alessandra Righini, insegnante di Storia dell’Arte, ha “vivisezionato” con eleganza il quadro, rintracciando legami con l’arte classica e contemporanea – dall’effigie della dea Atena, alla Pietà michelangiolesca, dalla battaglia di Massenzio di Piero della Francesca giungendo a Goya e Dalì – e rimandi ai valori della civiltà occidentale che fanno fanno capo alla rivoluzione francese.

D’altro canto, una lettura sui campi di guerra da parte della giornalista Barbara Schiavulli, la quale ha mostrato immagini evocatrici di altre Guernica disseminate fra i campi profughi palestinesi, l’Afganistan, la Siria e lo Yemen. Spesso si tratta di guerre sconosciute, che non sono sotto i riflettori, ma che seminano ogni giorno distruzione e morti di tanti innocenti.

Gli studenti assiepati nella sala del Reffettorio all’interno del Museo S. Domenico hanno potuto assistere a una lezione suonata a quattro mani che non dimenticheranno tanto presto.

Il prossimo appuntamento di #Citizenkit , intitolato “I giovani in cittadinanza”, avrà luogo martedì 8 marzo alle ore 11.15 nel salone del Comune e sarà tenuto dal professor Paolo Zurla .

Il reportage è opera di Nicola Fracchiolla.