Frozen, la voce degli studenti in piazza Saffi

“Frozen per la legalità”, come abbiamo già scritto in altri articoli, è un’iniziativa promossa dall’Istituto di Istruzione Superiore “Roberto Ruffilli” proprio nel giorno dell’assassinio del senatore forlivese ad opera delle Brigate Rosse, il 16 aprile di 25 anni fa.

Frozen significa “congelamento”, immobilità. E questo è il senso del nostro impegno domani: restiamo 60 secondi fermi per ricordare le vittime delle mafie e della violenza, per combattere la corruzione e l’illegalità, per recuperare il senso dello Stato e delle Istituzioni, per dare voce alla nostra voce.

E’ molto semplice quello che dovremo fare domani, martedì 16 aprile.

Alle 11 ci sarà un suono di tromba e subito dopo sentiremo il messaggio “Tutti giù per terra”. In quel preciso momento dovremo stare immobili a terra per 60 secondi, sulle lenzuola o sul pavimento della piazza.

Alla fine del frozen, chi ha portato con sé un fiore, potrà formare un corteo che si recherà in Corso Diaz n. 116, all’abitazione del senatore Roberto Ruffilli.

Lasceremo lì il nostro fiore, come segno di solidarietà, come gesto di adesione ai valori democratici in cui credette Ruffilli.

Il Frozen degli studenti e dei cittadini è una piccola cosa, nato quasi per gioco, ma come diceva Paolo Borsellino, Se la gioventù le negherà il consenso, anche l’onnipotente e misteriosa mafia svanirà come un incubo.

La legalità è contagiosa, se tutti partecipiamo, se ne parliamo.

 

Ringraziamo il Comune di Forlì, per il patrocinio e la disponibilità ad accogliere e fare propria la nostra iniziativa, la Fondazione “Ruffilli” e l’Istituto Storico della Resistenza e della Storia Contemporanea.

Ringraziamo il “Forlì Calcio” e la “Fulgor” per la loro pronta adesione al nostro invito a partecipare al frozen.

Ringraziamo tutti voi che siete qui oggi numerosi.

 

Gli studenti e le studentesse